• -

Test di Paternita in Assenza del padre

Il test DNA di paternità costituisce il metodo più accurato e scientificamente avanzato per stabilire la paternità di un bambino. Però, uno si chiede cosa succede se il padre presunto del bambino non è reperibile, si rifiuta di fornire un campione di DNA, oppure e deceduto?

In questi casi esistono alternative valide che si possono attuare quando non è possibile ottenere direttamente un campione dal padre presunto. In linea di massima, esistono due alternativa generali, quello di testare i parenti del padre presunto, e quello di ottenere del DNA da oggetti con cui il padre presunto ha avuto contatto.

Test del DNA su Parenti del Padre Presunto

Oggigiorno è diventato possibile stabilire l’esistenza o meno di una relazione biologica fra parenti, come zii e zie, e nonni, e il figlio, usando test del DNA. Se si stabilisce l’esistenza di una relazione fra, per esempio, un nonno paterno e il figlio, allora si può dedurre che il padre presunto, deve, per necessità di cose, essere il padre biologico del bambino. Ci sono diversi tipi di test a secondo del caso specifico.

Test del Cromosoma Y

Il test del cromosoma Y viene usato per stabilire se due o più maschi hanno la stessa linea paterna. Il cromosoma Y viene trasmesso da padre a figlio da una generazione all’altra. Siccome questo cromosoma ha un tasso di mutazione molto bassa, tende a rimanere immutata per molte generazioni. La trasmissione del cromosoma Y viene interrotta solamente con la nascita di una femmina, se esiste una linea diretta di trasmissione da maschio a maschio, tutti i maschi in quella famiglia avranno lo stesso cromosoma Y. Per questo motivo il test del cromosoma Y può essere usato per stabilire l’esistenza di una parentela biologica fra maschi.

Per questo motivo il test del cromosoma Y può essere usato per stabilire una relazione biologica nell’assenza del padre, usando questo test si possono testare altri membri della famiglia come zii or nonni. Questo tipo di test si può usare anche in casi in cui due fratelli vogliono stabilire se hanno lo stesso padre, nel caso in cui il padre presunto non può o non vuole partecipare ad un test del DNA. Cugini maschi possono scoprire se I loro padri erano fratelli, o se hanno lo stesso nonno paterno.

Test del Cromosoma X

Ogni donna ha due cromosomi X, una trasmessa dalla madre e una trasmessa dal padre.

Esiste un test, il test del cromosoma X, che può essere usato in casi in cui due sorelle che hanno madri diverse vogliono sapere se hanno lo stesso padre biologico. Questo test diventa particolarmente utile in casi in cui il padre presunto non è reperibile, non desidera partecipare al test oppure è deceduto.

Nel test di cromosoma X si comparano I profili di DNA delle due sorelle. Sorelle che hanno un padre comune devono, per necessità di cose, avere ciascuna uno dei due cromosomi con un profilo identico a quella della sorelle. Se non si ritrovano profili di DNA in comune, allora questo significa che non esiste parentela biologica.

Test del DNA su Campioni Alternativi

Un’alternativa al test di parentela è quello di eseguire un test DNA su campioni alternativi, cioè un test in cui si richiede al laboratorio di estrarre del DNA da oggetti di cui ha fatto uso il padre presunto, oppure da liquidi corporei del padre presunto. Questo processo è identico a quello usato nel campo della forensica, e si basa sul fatto che ogni essere umano tende a lasciare tracce del proprio DNA sugli oggetti che tocca, e che usa. In questo senso diventano particolarmente utili oggetti che possibilmente contengono tracce di saliva, come mozziconi di sigarette e spazzola denti. Altri oggetti che costituiscono possibili campioni di DNA possono essere buste leccati, e gomma da masticare. In aggiunta, tessuti macchiati di sangue o del liquido seminale possono essere usati come fonte di DNA per permettere al laboratorio di eseguire un test di paternità.

In aggiunta ci sono quelle che si chiamano fonti di DNA dirette, come nel caso di unghie, capelli o anche ossa. Questo tipo di campionatura diventa particolarmente utile in caso di recente decesso del padre presunto. È importante tenere presente che la tassa di successo di estrazione del DNA da questi campioni è variabile, in quanto, a differenza del tampone buccali standard, non si ha mai la certezza assoluta che un campione particolare contenga abbastanza DNA per permettere che si faccia il test. Altri fattori che possono diminuire l’utilità di questo tipo di campione risiede nel fatto che esiste un’elevata possibilità di contaminazione da sostanze estranee e dal DNA di altre persone, come nel caso in cui una spazzola denti viene usato da più di una persona.

Se si ha necessita di utilizzare questo tipo di campione per il riconoscimento di paternità, si consiglia sempre di contattare il vostro fornitore di test di paternità, per avere un preventivo, in quanto il costo può variare molto da un azienda all’altra, e a secondo del tipo di campione che intendete usare.


Cerca