• -

Test per conoscere il sesso del bambino: sangue, urina e ultrasuoni

Gli ultrasuoni (ecografia) sono certamente un metodo per scoprire il sesso del nascituro, tuttavia la FDA (food and drug administration: Agenzia per gli Alimenti e i Medicinali) e molti esperti ne sconsigliano l’utilizzo per questo scopo. Naturalmente gli ultrasuioni sono importanti test routinari di monitoraggio per le donne in stato interessante, pertanto nulla in contrario nel chiedere al proprio ginenecologo di contrallare anche il sesso del bambino durante la visita – soprattutto tra la 16esima e 20esima settimana di gravidanza.

Normalmente il test prenatale è effettuato per controllare che non ci siano anomalie nel feto e per verificare che il bambino non presenti malattie autoimmuni come la sindrome di Down. Tuttavia gli ultrasuoni prima della 18esima settimana possono essere un test non preciso a causa dell’alta somiglianza tra i due sessi al punto da sembrare perfettamente indistinguibili.

Test del sangue o dell’urina per conoscere il sesso del bebè

Senza dubbio se vuoi conoscere il sesso del bambino indirizzati verso un test del DNA – nessun altro test del sesso può essere parimenti affidabile e preciso soprattutto nel primo periodo della gravidanza.

Il DNA fetale si trova nel sangue materno e la quantità è circa del 3-13% se il campione è raccolto tra la 7ima e 8ava settimana di gravidanza: questa percentuale salirà rapidamente con lo sviluppo del feto e quindi all’avanzare della gravidanza. Anche nei primissimi giorni di gravidanza è riscontrabile un po’ di DNA fetale all’interno del sangue materno, ma questa percentuale è talmente piccola da rendere impossibile un test del sesso su una così piccola quantità. Se siete un po confusi o incerti della settimanda di gravidanza in cui vi trovate, potete usare un calcolatore di gravidanza.

Il DNA fetale all’interno del sangue materno è frammentato – non c’è DNA intatto del bambino. Il sangue e quindi i frammenti finiscono poi nei reni e quindi vengono poi espulsi con le urine. Pertanto la scelta per il test per conoscere il sesso del bambino ricade su una delle seguenti:

  • Un test per conoscere il sesso del bebè basato su un piccolo campione di sangue materno
  • Un test per conoscere il sesso del bebè basato su un piccolo campione di urina della madre (come il test KnowtheGender)

Normalmente per il test del sangue sono richieste pochissime gocce che possono essere raccolte da un proprio dito facendo un buchino con un piccolo ago, mentre per il test dell’urina si richiede di fornire un campione di DNA dall’urina per l’analisi. Per entrambi i tipi di test la compagnia fornisce un kit con tutto il necessario per raccogliere il campione. È importante sapere che tali test sono estremamante sensibili al DNA maschile, per tanto è bene che nessun uomo entri in contatto con i campioni e soprattutto, per i test sull’urina per conoscere il sesso del bambino, la madre non deve avere contatti sessuali con uomini per le 72 ore prima della raccolta del campione.

Come fa il test a dirmi il sesso del bebè?

Come già detto, frammenti del DNA si trovano nel sangue e nell’urina. Gli scienziati usando una tecnica nota col nome di PCR (polymerase chain reaction) per isolare il DNA fetale dal sangue o dall’urina cercano la presenza di cromosomi Y che confermino o meno che la madre avrà un maschio. Se non fosse possibile trovare cromosomi Y allora la madre aspetta una bambina.

Questo dimostra come mai i test per conoscere il sesso del bambino sono così sensibili al DNA maschile – per esempio se la donna dovesse avere un rapporto sessuale con un uomo poco prima di raccogliere il campione, il campione stesso potrebbe contenere tracce del DNA del suo partner e quindi contenere cromosomi Y anche se il bebè fosse una bambina.

Un test per conoscere il sesso del bebè basato sul DNA è un sistema altamente accurato per determinare il sesso, praticabile molto prima degli ultrasuoni.


Cerca